Motorini, tutti con la targa

Motorini, tutti con la targaMotorini, tutti con la targa

I ciclomotori e le microcar, immessi in circolazione prima del 14 luglio 2006 privi del certificato di circolazione e della targa fissa, devono regolarizzare la propria posizione entro il 12 febbraio. Dal giorno successivo, infatti, per essere in regola con le nuove norme del Codice della strada (legge 120 del 2010), il vecchio “targhino” che poteva essere spostato da un ciclomotore a un altro, non è più sufficiente. Chi circola senza la targa fissa è punito con sanzioni amministrative che vanno da 389 a 1.559 euro. Per effettuare la regolarizzazione occorre recandosi presso un ufficio della Motorizzazione o presso un’agenzia abilitata come Centro servizi motorizzazione.
Sotto il profilo assicurativo l’Isvap ha ribadito alle imprese di assicurazione che i ciclomotori, eventualmente non regolarizzati entro il 12 febbraio, devono comunque essere in regola sulla base del telaio. Questo perché, spiega l’Isvap, “nessuna delle situazioni di rischio per i terzi danneggiati deve restare esclusa dall’obbligo della prestazione assicurativa, non essendo possibili restrizioni legate a vicende che incidono solo sulla legittimazione amministrativa alla circolazione”.

Leggi altri articoli in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati