La crisi delle 2 ruote, tutti i numeri

La crisi delle 2 ruote, tutti i numeriLa crisi delle 2 ruote, tutti i numeri

L’andamento del settore delle moto, nell’anno appena concluso, è stato fotografo dall’Associazione nazionale ciclo motociclo accessori. Nel 2011 sono stati immatricolati 254.993 2 ruote a motore con un decremento del -17%. Il comparto dello scooter con 172.030 unità registra un -18,8%; meno sensibile la discesa delle moto con 82.963 pezzi pari al -11,4%.

L’analisi per cilindrata conferma la centralità degli scooter tra 300-500cc che con 62.284 veicoli e un -22,3% rappresentano il segmento più importante. Contrazione più contenuta della media per i 125cc, con 56.554 immatricolazioni (-13,9%), seguono i 150-200cc con 36.829 pezzi (-22%) e i 250cc con 14.237 veicoli (-24,6%). Dato positivo per i maxiscooter oltre 500cc, con 2.126 vendite e un +33,8%.

Per le moto sono in evidenza quelle superiori ai 1000cc: 24.876 unità pari ad un +1,3%. Al secondo posto in termini di volumi le moto tra 800 e 1000cc con 21.293 pezzi, e un -7,6% rispetto ai volumi del 2010. Più pesante il calo per le medie cilindrate: le 650-750cc con 15.780 moto (-23,2%), le 600cc con solo 6.515 vendite (-34,5%) e le 125cc con 6.628 (-13,3%). In crescita le moto da 300-500cc con 5.189 pezzi e un +9,1%.

L’andamento dei segmenti, in ordine di importanza, conferma la perdita di volumi per le naked con 26.517 vendite pari a -17,3%, seguono le enduro stradali con 23.131 pezzi (-3,3), le custom con 9.645 unità (-3,6%), le sportive con 7.963 unità (-27,9%), in discesa le supermotard con 6.824 (-18,5%). Le moto da turismo sono in controtendenza con 7.183 immatricolazioni e un +7,6%, dato che testimonia un balzo in avanti del segmento che ha superato le supermotard nel 2011.

Il comparto dei 50cc si ferma a 71.227 pezzi pari al -17,1%. Complessivamente nel 2011 il totale delle 2 ruote a motore (immatricolazioni + 50cc) arriva a 326.220 veicoli, pari al -17% rispetto all’anno precedente.

Leggi altri articoli in

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati