WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 6
            [user_login] => fabiolepre
            [user_pass] => $P$B.YrLW5HpwgSlAgh8WP2Yx45BcLzAR.
            [user_nicename] => fabiolepre
            [user_email] => fabiolepre@yahoo.it
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2011-11-10 11:00:15
            [user_activation_key] => 
            [user_status] => 0
            [display_name] => fabiolepre
        )

    [ID] => 6
    [caps] => Array
        (
            [author] => 1
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
            [0] => author
        )

    [allcaps] => Array
        (
            [upload_files] => 1
            [edit_posts] => 1
            [edit_published_posts] => 1
            [publish_posts] => 1
            [read] => 1
            [level_2] => 1
            [level_1] => 1
            [level_0] => 1
            [delete_posts] => 1
            [delete_published_posts] => 1
            [NextGEN Gallery overview] => 1
            [NextGEN Upload images] => 1
            [NextGEN Manage gallery] => 1
            [NextGEN Manage tags] => 1
            [NextGEN Edit album] => 1
            [NextGEN Use TinyMCE] => 1
            [NextGEN Manage others gallery] => 1
            [unfiltered_html] => 1
            [author] => 1
        )

    [filter] => 
    [site_id:WP_User:private] => 1
)

Scooter contraffatti dai cinesi, la Finanza all’EICMA 2011

Scooter contraffatti dai cinesi, la Finanza all’EICMA 2011Scooter contraffatti dai cinesi, la Finanza all’EICMA 2011

Non solo orologi, borse e accessori. Anche gli scooter finiscono nel mirino delle cineserie e dei tentativi di clonazione. E senza neanche troppe preoccupazioni i modelli copiati vanno in esposizione all’EICMA 2011, il salone internazionale del motociclo in corso di svolgimento a Milano.
È stato perciò inevitabile per la Compagnia di Rho della Guardia di finanza sequestrare quel modello di scooter cinese a tre ruote in quanto “assai simile” all’MP3 della Piaggio. In particolare si tratta dell’YB 250 ZKT, prodotto da Kaitong Motor con il marchio Yiben, fatto sgombrare in fretta e furia dal padiglione 10 della fiera.
A sorprendere non sarebbe stata solo la somiglianza (sarebbe stata imitata perfino la meccanica della moto originale con le ruote anteriori indipendenti e basculanti che facilitano l’ingresso in curva), ma anche la poca eleganza nella decisione di esporre lo scooter a una manciata di metri dallo stand della Piaggio.
La società di Pontedera, nel ringraziare le Fiamme Gialle “per l’attività svolta a tutela dei diritti di proprietà industriale e del design delle aziende italiane”, ha evidenziato come “il disegno del prodotto si presenta assai simile al modello comunitario relativo allo scooter MP3” di sua titolarità e che, come tale, “può costituire contraffazione”.
A ogni modo, la pattuglia cinese presente all’edizione numero 69 dell’EICMA non si è limitata alla Kaitong Motor e al presunto caso di contraffazione. Fra gli espositori, infatti, ci sono Baotian Motorcycle, Huoniao, Meiduo, Rhon, Sanyou, Senke, Zhen Hua Manufacture, Znen Motor, Zontes.

Scooter contraffatti dai cinesi, la Finanza all’EICMA 2011
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Ecco la Vespa del futuro

Dici Vespa e pensi allo scooter che ha segnato la storia delle due ruote in Italia. Ma dici Vespa 946