MotoforJapan, le due ruote in aiuto del popolo giapponese

MotoforJapan, le due ruote in aiuto del popolo giapponeseMotoforJapan, le due ruote in aiuto del popolo giapponese

La catastrofe che ha colpito il Giappone non ha lasciato indifferente il mondo dell due ruote. Il motociclismo ha nel paese del Sol Levante quattro grandi produttori mondiali: Honda, Suzuki, Yamaha e Kawasaki. Tutte e quattro le Big Four, come vengono chiamate, sono state coinvolte, anche se in maniera diversa, dall’imponente distruzione del terremoto e dello tsunami che ha travolto le coste giapponesi. Già qualche giorno fa Honda e Suzuki hanno momentaneamente sospeso la produzione.

La più colpita tra le quattro è Honda che ha stoppato le linee produttive fino al 20 marzo e che ha subito vistosi danni al proprio reparto di ricerca e sviluppo di Tochigi, dove il sisma ha causato 30 feriti e un morto. Nonostante ciò Honda ha fornito tramite denaro, generatori e bombole di gas, un aiuto concreto alla popolazione giapponese.

Mentre Suzuki riprenderà oggi la produzione, senza aver subito danni considerevoli, Yamaha e Kawasaki non hanno sospeso l’attività nei propri stabilimenti. Kawasaki inoltre donerà 100 milioni di yen e 3 aeromobili per aiutare i soccorsi. Intanto due piloti giapponesi, Greg Hatton e Jon Bekefy, hanno creato un nuovo ente di beneficenza, MotoForJapan per raccogliere fondi da destinare alla popolazione giapponese devastata dal terremoto.

MotoforJapan destinerà i soldi raccolti direttamente alla Croce Rossa Giapponese, ente già operativo sul campo dei soccorsi. L’appello di MotoForJapan: “Se sei un motociclista, un pilota, un dipendente del settore, o un fan di una delle quattro giapponesi questa è la tua occasione per aiutare una nazione in difficoltà”.

Leggi altri articoli in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati