MINI Scooter E, foto dal vivo

MINI Scooter E, foto dal vivoMINI Scooter E, foto dal vivo

Anche per quanto riguarda Scooter E, il primo due ruote della casa automobilistica britannica MINI, abbiamo raccolto una galleria di immagini, per permetterci di prendere un contatto più concreto con il motociclo di piccole dimensioni. Anche per questo prodotto, la presentazione ufficiale non è avvenuta all’Intermot Show di queste ore, come prassi dell’emisfero delle motociclette, bensì al Salone di Parigi 2010, anch’esso ancora in attività.

La matita che ha costruito, da un foglio bianco, il nuovo MINI Scooter E è quel Adrian van Hooydonk, già responsabile del Centro Stile BMW e MINI. Infatti, le rotondità e i tratti morbidi sono quelli di MINI Countryman e di tutti i veicoli del brand inglese, ma si annusa qualche riferimento alle linee dolci del nuovo capitolo BMW. Se, prima, Smart eScooter possedeva un aspetto semplice, qui siamo all’opposto e Scooter E è davvero molto elaborato.

E vintage, nel pieno accordo con le autovetture MINI di oggi e di ieri. Anche per questo due ruote compatto, la propulsione è elettrica: allo stesso modo di Smart eScooter, il nuovo MINI Scooter E viene spinto da un motore posto all’interno dello pneumatico posteriore, supportato da una batteria agli ioni di litio, che permette una percorrenza massima di 100 chilometri circa, ad una velocità massima di 60 chilometri orari.

La ricarica della batteria avviene comodamente attraverso la linea elettrica di casa. Il nuovo Scooter E di MINI è stato dotato, inoltre, del dispositivo di recupero e riconversione dell’energia cinetica in frenata, definito KERS. Anche MINI Scooter E può connettere uno smartphone alla propria interfaccia, creando un collegamento continuo con il pilota.

MINI Scooter E, foto dal vivo
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Marchi moto

Moto, le quattro ruote si innamorano delle due ruote

L'esempio più famoso è l'accordo tra Ducati e Volkswagen
Molte case automobilistche vogliono allargare il loro portafoglio acquisendo aziende di due ruote. Fiat Chrysler avrebbe infatti messo gli occhi su Piaggio nonostante l'azienda stia smentendo insistentemente le voci