Suzuki GSR750, nuove immagini ufficiali

Suzuki GSR750, nuove immagini ufficialiSuzuki GSR750, nuove immagini ufficiali

L’avevamo annunciata qualche giorno fa, con un teaser diffuso ufficialmente dalla casa motociclistica giapponese. Ricordate? Lei è Suzuki GSR750, una motocicletta nuda di nuova generazione, che il fabbricante nipponico andrà a mostrare dapprima all’Intermot Show di Colonia, in programma dal 6 al 10 ottobre (cioè da domani), e in seguito al Salone del Motociclo Eicma di Milano, a novembre.

Le immagini odierne, che provengono ancora una volta dalla casa madre Suzuki (sono anche sul sito italiano di Suzuki), mostrano quasi totalmente la linea della nuda GSR750. La forma del gruppo ottico anteriore, molto nervosa e tagliata, richiama quella di tutta la motocicletta giapponese, energica, leggera, poco impegnativa anche stilisticamente, in special modo in quel codino che sfugge alla vista per appuntirsi all’infinito. Sotto il serbatoio del carburante, come avevamo precisato in precedenza, lo stesso propulsore quattro cilindri raffreddato a liquido di Suzuki GSX-R750, di 750 centimetri cubici di cilindrata.

Tuttavia, la nuova Suzuki GSR-750 verrà dotata di una dose di potenza minore: se sulla carenata il motore eroga 150 cavalli, sula nuova naked la produzione di cavalleria verrà limitata a 120/125 cavalli. Conseguentemente, anche la coppia massima sarà leggermente inferiore agli 86,3 Nm di Suzuki GSX-R750.

I tecnici del costruttore giapponese hanno lavorato sul telaio, sull’impianto freni, sulle sospensioni e sui materiali per ridurre il costo della motocicletta e per poter commercializzare la nuova Suzuki GSR750 in maniera competitiva. La nuda verrà offerta a circa 7.500 euro, spicciolo più, spicciolo meno. Nuove informazioni tecniche nelle prossime ore.

Suzuki GSR750, nuove immagini ufficiali
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Marchi moto

Moto, le quattro ruote si innamorano delle due ruote

L'esempio più famoso è l'accordo tra Ducati e Volkswagen
Molte case automobilistche vogliono allargare il loro portafoglio acquisendo aziende di due ruote. Fiat Chrysler avrebbe infatti messo gli occhi su Piaggio nonostante l'azienda stia smentendo insistentemente le voci