Kawasaki Z750 Model Year 2011, tre nuove colorazioni

Kawasaki Z750 Model Year 2011, tre nuove colorazioniKawasaki Z750 Model Year 2011, tre nuove colorazioni

Sebbene Suzuki abbia annunciato l’arrivo di una nuova nuda di mezze dimensioni, GSR 750, equipaggiata con lo stesso propulsore di Suzuki GSX-R 750, la risposta di Kawasaki non è aggressiva: l’aggiornamento alla naked Z750 arriva repentino, ma non c’è poi molta carne al fuoco da esaminare, purtroppo.

Il costruttore motociclistico nipponico, infatti, s’è limitato ad introdurre tre nuove colorazioni per la poca carenatura della due ruote sportiva: Kawasaki Z750 Model Year 2011 rimane immutata nell’aspetto. Scompaiono il classico Candy Lime Green ed il più comune Atomic Silver, per fare posto nelle nuove tonalità Ebano (nero lucido), Alpine White (bianco) e Lime Green/Flat Ebony (che unisce dettagli neri, come il parafango anteriore, con un verde un po’ più placido della prassi della maison).

Il propulsore, dicevamo, è lo stesso della versione 2007 di Kawasaki Z750: 748 centimetri cubici di cilindrata, quattro cilindri, in grado di erogare 106 cavalli a 10.500 giri/minuto e 77 Nm di coppia massima a 9.300 giri/minuto. Per chi non si accontenta, la casa motociclistica Kawasaki introdurrà la versione sportiva Z750R.

Anche per lei, medesime dotazioni di potenza e coppia. Gli interventi del fabbricante giapponese si limitano al telaio, alle forcelle, al sistema di scarico Akrapovic, all’impianto freni, agli pneumatici specifici e ai cerchi in lega. Si dovrà attendere il cinque di ottobre, per poterla vedere all’Intermot Show di Colonia. In alternativa, Kawasaki Z750 M.Y. 2011 e Kawasaki Z750R 2011 verranno mostrate anche all’Eicma, il Salone di Motociclo di Milano, che si terrà durante il prossimo novembre.

Kawasaki Z750 Model Year 2011, tre nuove colorazioni
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Marchi moto

Moto, le quattro ruote si innamorano delle due ruote

L'esempio più famoso è l'accordo tra Ducati e Volkswagen
Molte case automobilistche vogliono allargare il loro portafoglio acquisendo aziende di due ruote. Fiat Chrysler avrebbe infatti messo gli occhi su Piaggio nonostante l'azienda stia smentendo insistentemente le voci