Yamaha X-Max: presentate le nuove 250 Sport, 250 ABS e 125

Yamaha X-Max: presentate le nuove 250 Sport, 250 ABS e 125Yamaha X-Max: presentate le nuove 250 Sport, 250 ABS e 125

La famiglia della gamma X-Max di Yamaha si arricchisce di tre nuovi modelli: la 250 Sport, la 250 in versione ABS e la 125. Tre nuovi modelli che vogliono ancora accomunare, com’è tradizione della gamma, uno spirito sportivo e una dotazione di qualità ad un prezzo d’accesso vicino per tutte le tasche.

La più sportiva, oltre che novità assoluta nella gamma, di tutte è sicuramente la 250 Sport. È dotata infatti di un motore da 250 cc a quattro tempi con iniezione elettronica. Concepita per essere scattante e veloce, è ideale anche per districarsi nel traffico cittadino, persino quello più congestionato. Il parabrezza compatto dal design sportivo, la sella dalla nuova colorazione a 3 tonalità, la speciale colorazione Tech Armor, e lo schienale dedicato al passeggero, sono di serie. La strumentazione, inoltre, presenta nuovi inserti al tachimetro e grafiche Sport Edition. La new entry della famiglia X-MAX è caratterizzata, come l’intera linea X-MAX, da un telaio resistente, rigido e leggero allo scopo di migliorare le prestazioni sportive e le doti di guidabilità in curva. Il doppio ammortizzatore posteriore è regolabile in 4 posizioni diverse e, insieme alla forcella a lunga escursione, garantisce l’assorbimento delle asperità durante l’attraversamento delle superfici più irregolari.

La 250 ABS e la 125, anch’essa in versione ABS, sono concepite nella versione 2011 per essere più “estreme” e guidabili sotto ogni condizione atmosferica. Sono così dotate di un sistema frenante in grado di calcolare la velocità di rotazione delle ruote, così da avere un’idea non solo della velocità, ma anche del grado di aderenza di cui può godere il pneumatico in quel particolare momento. Da notare anche il nuovo colore Lava Red per la 125 e il Magnetic Blue per la 250.

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati