Bitubo, pacchetti di personalizzazione tecnica per Yamaha T-Max

Bitubo, pacchetti di personalizzazione tecnica per Yamaha T-MaxBitubo, pacchetti di personalizzazione tecnica per Yamaha T-Max

Bitubo è il nome di un produttore di sospensioni per motociclette: la Casa dell’Ammortizzatore Bitubo nacque nel 1963, nel padovano, e si impose, nel corso degli anni, per una serie di prodotti innovativi e di ottima qualità.

Bitubo ha realizzato per lo scooter Yamaha T-Max (nello specifico, per le versioni commercializzate dal 2008 ad oggi) una serie di kit in grado di dare al noto due ruote giapponese stabilità e agilità, senza, tuttavia, stravolgere le caratteristiche base che ne hanno decretato il successo.

Per le forcelle di Yamaha T-Max, Bitubo ha realizzato un pacchetto specifico, denominato ABB09: si tratta di cartucce pressurizzate ad azoto, regolabili, in grado di eliminare fastidiosi e pericolosi “fondocorsa” della forcella, dando, così, la possibilità di guidare in maniera dinamica, sempre nella massima sicurezza. Le regolazioni del precarico molla avvengono attraverso “tappi” in Ergal, che sostituiscono quelli originali, permettendo di modificare a piacimento l’altezza per attagliarla al proprio stile di movimento.

Tuttavia, per chi non volesse optare per il pacchetto di cartucce complete, ma desiderasse unicamente la sostituzione delle molle forcella originali di Yamaha T-Max, con altre Bitubo adatte al proprio peso, viene offerto il kit “MF”, che comprende molle in acciaio legato Cr-Si ed olio Silkolene a viscosità variabile, in grado di lavorare in perfetta armonia con gli elementi.

Per l’ammortizzatore posteriore di Yamaha T-Max, invece, Bitubo ha studiato un mono racing, indicato con il nome HZM11, con camera di compensazione separata a regolazione esterna. Il mono HZM11 dispone di interasse variabile e della possibilità di modifica delle regolazioni in compressione, estensione e precarico molla, unitamente ad un aspetto gradevole, frutto di uno studio di design.

Leggi altri articoli in Caschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati