Ducati 848 EVO 2011, nuova versione con 140 cavalli

Ducati 848 EVO 2011, nuova versione con 140 cavalliDucati 848 EVO 2011, nuova versione con 140 cavalli

Ducati, il costruttore motociclistico di Borgo Panigale, presenta la nuova 848 EVO, una sorta di nuova versione che va a sostituire la precedente 848 del 2008 e che apporta modifiche visibili e invisibili, sgrossando alcuni difetti della motocicletta: infatti, la stessa casa motociclistica italiana ha ammesso di essersi rivolta ai piloti che quotidianamente utilizzavano la due ruote 848 per conoscerne i difetti, nell’intento di risolverli.

La nuova Ducati 848 EVO mantiene la medesima cilindrata, 849 centimetri cubici, ed il medesimo propulsore, un Testastretta bicilindrico a L raffreddato a liquido, ma offre una nuova iniezione, una nuova centralina e una maggiore dote di potenza, che raggiunge quota 140 cavalli, con un incremento di coppia di 2 Nm, lambendo quota 98 Nm. Unitamente a questi dettagli, anche l’impianto freno con pinza Brembo Monoblocco è stato reso maggiormente efficiente, al fine di sostenere l’aumento di sei cavalli.

Inoltre, la nuova Ducati 848 EVO 2011 mantiene lo stesso peso, 168 chilogrammi, e la medesima architettura tecnica: doppi silenziatori sotto-sella, forcellone monobraccio, telaio a traliccio, carrozzeria ispirata al mondo delle corse Ducati e nuovi ammortizzatori di sterzo.

Il costruttore di Borgo Panigale ha dichiarato che la nuova Ducati 848 EVO 2011 garantisce maggiore efficienza nella guida di ogni giorno così come in quella più estrema, prendendo a prestito l’esperienza maturata nella Superbike.

Ducati 848 EVO 2011 verrà consegnata ai clienti che l’ordineranno dal prossimo settembre, proposta sin da questo mese nella colorazione classica Rosso Ducati, con telaio e carenatura rossi e cerchi in lega neri, a 12.600 euro circa, e nella versione “Dark Stealth”, con telaio racing, carenatura e pneumatici in lega neri, al prezzo di circa 11.800 euro.

Ducati 848 EVO 2011, nuova versione con 140 cavalli
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati