Valentino Rossi & Ducati, la firma è quasi vergata [appunti sul passaggio]

Valentino Rossi & Ducati, la firma è quasi vergata [appunti sul passaggio]Valentino Rossi & Ducati, la firma è quasi vergata [appunti sul passaggio]

La vittoria di Jorge Lorenzo al MotoGP di Catalunya porta con sé talune riflessioni su quello che potrebbe essere considerato come il rumor motociclistico maggiormente in voga nell’ultimo periodo storico: faccio riferimento – l’avrete capito – all’indiscrezione sempre più concreta di un passaggio di Valentino Rossi dalla scuderia Yamaha al box Ducati Corse.

E Lorenzo? È presto detto: il campione spagnolo, classe 1987, all’attivo un palmares di cinque gare vinte nel motomondiale 2010, potrebbe rivelarsi un compagno di squadra scomodo. Neppure tanto “por fuera”: oltre ad un ingente ingaggio, che Yamaha dovrebbe sostenere per trattenere i due campioni sotto la propria egida, vi sarebbe un conflitto di interessi non trascurabile: due prime donne simili, poco facilmente sarebbero acquiescenti l’uno verso l’altro durante uno qualsiasi dei MotoGP della domenica.

Aggiungete pure che la scuderia potrebbe monopolizzare il mondiale, con una squadra d’attacco simile, e la questione assume tutto un altro sapore: impossibile sacrificare l’una prestazione, poniamo quella di un Rossi che torna svantaggiato da un infortunio, per privilegiare l’altra supponiamo quella di un Lorenzo che sta sbocciando or ora, dalla forza travolgente.

Una luce diversa avrebbe il passaggio di Vale alla Rossa della MotoGP: un modo per ributtarsi nella mischia, un tentativo di ritornare in auge, dopo l’alone – l’infortunio – che ha unto la scintillante figura del campione italiano. Inoltre, qualora Valentino giungesse in Ducati, avrebbe l’occasione di rincorrere il sogno di tre moto diverse, tre marche diverse, con cui aver vinto il motomondiale.

Ma che dire del fatto che, forse, la moto che rimarrebbe in mano a Lorenzo sarebbe per buona parte frutto della sapienza tecnica di Valentino? E che dire dello spettacolo che ne nascerebbe, lo scontro di due pedine importantissime – quasi le più importanti – del panorama motociclistico odierno, su due colori così distanti?

Notizia dell’ultima ora: a detta del refolo di voci che giunge da Catalunya, mancherebbe sempre meno ad una firma ufficiale del contratto da 15 milioni di euro a biennio per garantirsi un Rossi alla Rossa. Un altro successo di Filippo Preziosi?

Valentino Rossi & Ducati, la firma è quasi vergata [appunti sul passaggio]
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Ducati: a Roma arriva il secondo flagship-store

Una struttura che ospita sia l'officina che lo showroom, ma che diventa anche punto di aggregazione per gli appassionati del marchio
La casa di Borgo Panigale ha inaugurato un secondo flagship-store a Roma. Si tratta di un luogo di ritrovo per
Marchi moto

Ducati Diavel 1260 alla Milano Design Week

La moto della casa di Borgo Panigale è la protagonista dell'evento "Beautiful Boldness/Visionary Design"
Dopo aver recentemente vinto il premio “Red Dot Award: Best of the Best” nella categoria “Product Design”, il nuovo Diavel