ANCMA: proposta al Senato per portare le moto elettriche in autostrada

Il provvedimento è firmato dal Senatore Vincenzo Gibiino

di

Corrado Capelli: "Passo inevitabile per arrivare alla riduzione delle emissioni inquinanti prevista dalla legge"

ANCMA: proposta al Senato per portare le moto elettriche in autostrada

È stato depositato in Senato un disegno di legge finalizzato a consentire l’accesso di motocicli elettrici in autostrada e nelle strade extra-urbane principali, ad esempio le tangenziali. Il provvedimento è firmato dal Senatore Vincenzo Gibiino, membro della Commissione Lavori Pubblici del Senato e da altri 27 senatori appartenenti a diversi schieramenti parlamentari.

Si tratta di un primo importante passo per fare chiarezza su un passaggio molto controverso del codice della strada: l’art. 175 del codice, infatti, nell’elencare le diverse categorie di veicoli che possono circolare sulle autostrade e sulle tangenziali, non fa riferimento ai motocicli ad alimentazione elettrica e, in questo modo, crea un vuoto legislativo che affida all’interpretazione delle forze dell’ordine l’eventuale decisione di sanzionare i conducenti di motocicli elettrici. Anche la copertura assicurativa in caso di incidente appare incerta.
Le motorizzazioni elettriche sono sempre più diffuse anche all’interno del settore dei motoveicoli: nel 2016, infatti, sono stati venduti 2.408 motoveicoli a trazione elettrica (ciclomotori, motocicli e quadricicli), corrispondenti all’1% del venduto totale. Pur trattandosi, come si vede, di un mercato di nicchia, è interessante osservare che, sia in termini assoluti che in termini relativi, il peso dell’elettrico nel mercato dei motoveicoli risulta più rilevante rispetto al mercato auto: nel 2016, infatti, sono state vendute 1.403 auto elettriche, corrispondenti a meno dello 0,1% dell’immatricolato complessivo.

Il tema della mobilità elettrica – dichiara Corrado Capelli, presidente di Confindustria ANCMAè sempre più al centro del dibattito pubblico e appare come una delle principali direttrici che i produttori dovranno seguire, considerati gli obiettivi di riduzione del 30% delle emissioni di CO2 entro il 2030, come recentemente evidenziato dalla Strategia Energetica Nazionale. Appare quindi incomprensibile il silenzio del codice stradale sulle moto elettriche“.

Nella prossima legislatura, quindi, è necessario riportare all’attenzione del Parlamento le importanti misure che l’industria delle due ruote considera improrogabili, come la messa in sicurezza delle infrastrutture. Nel frattempo l’auspicio è che l’attuale Parlamento approvi l’emendamento alla legge di bilancio, promosso già nel 2016 da Confindustria ANCMA e riproposto e sostenuto quest’anno dalla rivista Motociclismo e da ANCMA, per consentire ai motociclisti di portare in detrazione fino a 2.000 euro per l’acquisto di capi tecnici protettivi. Provvedimento importante in primis in chiave sicurezza a tutela dell’incolumità di chi va in moto ma anche a fronte di costi sociali per lo Stato riconducibili a incidenti motociclistici, che superano i 3 miliardi di euro ogni anno.

19th dicembre, 2017

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento





Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini