Kawasaki Ninja 650, la sportiva per tutti i giorni [PROVA SU STRADA]

La piccola giapponese si dimostra agile tra le curve e sicura grazie ad una ottima ciclistica

di

Il motore è 649 cm3, DOHC, a 8 valvole, da 68 CV, raffreddato a liquido con una buona coppia anche ai bassi regimi

Kawasaki Ninja 650, la sportiva per tutti i giorni  [PROVA SU STRADA]

Ci sono motociclette che nascono senza compromessi e altre che hanno fatto del compromesso il loro punto di forza. È il caso della nuova Kawasaki Ninja 650. La due ruote made in Tokyo, in questa nuova veste si è fatta un pochino più piccola per venire incontro alle esigenze di chi cerca la sportività, ma a patto di poterla utilizzare tutti i giorni, anche nel tragitto casa-lavoro o casa-università. Per questo abbiamo deciso di metterla alla prova in un test che più vario non poteva essere, tra superstrada, vie cittadine e tornanti di montagna. Abbiamo scelto i monti che fanno da cornice al lago di Lecco, lasciando che il vento di una mattina d’ottobre fosse un fattore in più per farci un’idea di come si comportasse questa carenata.

Estetica e finiture:

Rating: ★★★★½ 

Look sportivo, ma con tanta agilità
Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_011

Analizzando un po’ le caratteristiche tecniche, le prime cose che colpiscono sono la leggerezza e la maneggevolezza, due aspetti fondamentali per l’utilizzo quotidiano della nostra due rote. La Ninja 650 si mostra sempre rapida e scattante grazie a un peso record, frutto del lavoro di lima fatto sul telaio, ora ancora più snello e pesante solo 15 kg.

Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_024

Se a questo si aggiunge una sella bassa (posta solo a 790 mm da terra) il gioco è fatto. Per scattare al semaforo delle metropoli, però, serve soprattutto un motore pronto.

Motore e prestazioni:

Rating: ★★★★☆ 

Bicilindrico scattante, ma adatto anche ai principianti
Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_001

Il bicilindrico giapponese non tradisce le aspettative. Stiamo parlando di 649 cm3, DOHC, a 8 valvole, raffreddato a liquido con una buona coppia anche ai bassi regimi. I 68 CV di potenza non sono tantissimi, ma sicuramente proporzionate alle dimensioni e alle prestazioni (che vedremo più avanti) del mezzo in oggetto. A voler essere pignoli, gli manca non tanto la potenza, ma un po’ di cattiveria in più nell’erogazione. Ricordiamo che si tratta di una delle unità più amate dai preparatori, che riescono a renderlo un animale da competizione, come dimostrano i successi di categoria al TT negli ultimi anni. La frizione assistita e anti-saltellamento utilizza un sistema a due camme (una camma servoassistita e una antisaltellamento) per offrire due funzioni non presenti comunemente sulle frizioni standard. Un altro dettaglio sviluppato con l’ausilio del reparto corse. Fin qui ci siamo occupati del confort. Ma Ninja è sinonimo di sportività. A garantire un look accattivante alla 650 ci pensa il cupolino dalle linee affilate che tanto somiglia a quelli della gamma supersport. Una scocca leggera e stretta invogliano a piegare anche negli spazi più angusti.

Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_020

Una volta studiata la parte tecnica è arrivata quella più piacevole. Indossiamo un abbigliamento adeguato, allacciamo bene il casco e siamo pronti per partire. Sensazioni? Ottime. La manopola del gas è reattiva quanto basta per fare salire i giri del motore rapidamente e mostrare subito un animo frizzante. La potenza è sempre sotto controllo e anche i principianti hanno di che divertirsi. Il cruscotto è misto e dà tantissime informazioni, dalla velocità ai giri del motore, ma anche la marcia che stiamo inserendo e le funzioni complementari, come l’ABS. Per rendere al massimo il “cervello” di questa Kawa ci suggerisce anche quando cambiare marcia con un pratico indicatore arancione sopra la voce Gear.

Guida e maneggevolezza:

Rating: ★★★★½ 

Si frena con un dito e nel traffico non soffre mai
Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_049

In città, le accelerazioni repentine si alternano a frenate rapide. Fermare la 650 è facile grazie all’impianto frenante da vera supersportiva, che vede all’anteriore doppi dischi a margherita semi-flottanti da 300 mm e pinza a doppi pistoncini. Sul posteriore è montato un freno disco singolo a margherita da 220 mm con pinza a singolo pistoncino. La forcella telescopica da 41 mm non affonda mai e il mezzo è sempre sotto controllo.

Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_025

Lasciata la città ci avventuriamo in superstrada. Le turbolenze generate da auto e camion non ci spaventano, così come il vento. L’impatto con l’aria è giusto e basta chiudersi in carena per non avvertire più fastidi a collo e spalle. I quasi 70 cavalli sono abbastanza per viaggiare senza timori di sorta e non scaldano mai le gambe del conducente. Unico piccolo difetto, qualche vibrazione in full throttle, ma c’era d’aspettarselo da una bicilindrica dalle dimensioni così compatte. Tra le curve di montagna la Ninja 650 si sente a proprio agio e invita a disegnare traiettorie filanti e veloci, cercando la corde per uscire veloci e aprire il gas. Non gareggeremo con modelli superiori, ma ci divertiremo comunque.

Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_041

Da segnalare che, a dispetto del suo voler essere sportiva nel look, il comfort è molto buono sia per chi guida, grazie al particolare manubrio alto, che unisce i due semimanubri in un unico elemento, ma anche il passeggero ha una posizione in sella tutt’altro che sacrificata.

Prezzo e consumi:

Rating: ★★★★☆ 

Costa meno di un maxi scooter, ma è una moto
Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_066

Il feeling con questa Kawasaki è immediato e questa è la cosa che più conta. L’estetica c’è, la sostanza anche e a 7.590 euro si può avere una perfetta prima moto o un’alternativa ai maxi scooter. Disponibile in tre colorazioni, Krt Edition (Lime Green / Ebony), Pearl Storm (Gray / Ebony) e Candy Plasma Blue, la piccola delle Ninja può essere arricchita o personalizzata con accessori originali, da quelli votati alle prestazioni, come lo scarico Akrapovic e il coprisella passeggero per renderla una ancor più sportiva monoposto, oppure in chiave turismo e comfort, come la presa 12 volt, borse laterali o top case, griglia di protezione del radiatore, parabrezza touring, o la sella con ben 300 mm in più di imbottitura.

Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_002

Se il bicilindrico 650 di serie è un po’ strozzato dagli elementi necessari per l’omologazione Euro 4, dal punto di vista dei consumi merita una promozione a pieni voti. Questa Ninja consuma davvero poco, parliamo di valori mai inferiori alla soglia dei 25 km/l nel nostro test, valore che riesce a raggiungere anche ad andatura autostradale, dove siamo abituati a rilevare valori prossimi a 20 km con un litro, quindi riesce ad essere un 20% più parca di tante concorrenti dirette.

PRO E CONTRO
Ci piace:
Maneggevolezza, ciclistica, qualità costruttiva, linea sportiva
Non ci piace:
La mancanza di qualche cavallo di potenza, non è esente da vibrazioni

Ninja 650: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★☆ 
Maneggevolezza:★★★★½ 
Cambio e trasmissione:★★★★★ 
Frenata:★★★★★ 
Sospensioni:★★★★½ 
Guida:★★★★½ 
Comfort pilota:★★★★½ 
Comfort passeggero:★★★★☆ 
Dotazione:★★★★½ 
Qualità/Prezzo:★★★★½ 
Linea:★★★★½ 
Consumi:★★★★½ 

Servizio fotografico: Matteo Pozzi

Kawasaki_Ninja_650_prova_su_strada_2017_081

Abbigliamento del tester:
Giacca: Dainese Carve Master Gore-Tex
Pantaloni: Dainese New Galvestone Gore-Tex
Guanti: Dainese Ergotour Gore-tex X-trafit
Stivali: Dainese TRQ-Tour Gore-tex
Casco: Scorpion Exo-3000 Air

11th ottobre, 2017

Tag:, , ,

Lascia un commento





Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini