Kawasaki Z900: In arrivo la versione per neopatentati

Meno potente ma esattamente identica alla "sorella maggiore"

di

Kawasaki Z900: In arrivo la versione per neopatentati

Kawasaki Z900 – Dopo il grande successo al debutto della Z900, la casa di Akashi, per far fronte alle numerose richieste, lancerà entro la fine del 2017 una versione da 70Kw dedicata ai possessori di patente A2.

La nuova versione sarà del tutto identica a quella a piena potenza, sia dal punto di vista estetico che tecnico, senza badge o segni distintivi che la possono differenziare dalla “sorella maggiore”; sarà quindi equipaggiata con: il quattro cilindri in linea dotato di distribuzione bialbero plurivalvole, raffreddamento a liquido, iniezione elettronica e cambio a sei rapporti con frizione assistita antisaltellamento. Anche dal punto di vista della ciclistica non cambia niente, monterà infatti il telaio a traliccio e la sospensione posteriore back- link, il tutto condito da un sound degno della famiglia Z.

L’unica differenza riguarda la potenza massima, che come già anticipato, sarà di 70kw, per per essere conforme alle regolamentazione della patente A2 con la possibilità quindi di essere depotenziato a 35kW. Ricordiamo invece che la versione standard ha una potenza massima di 92 kw.

Tali modifiche, sia depotenziarla che portarla ai valori originali, potranno essere fatti esclusivamente presso un concessionario ufficiale Kawasaki. Le modifiche sono ottenute con una nuova mappatura della centralina che è, come già anticipato, completamente reversibile.

La nuova Z900 (70kW) sarà disponibile nelle seguenti 4 colorazioni: Candy Lime Green / Metallic Flat Spark Black, Pearl Mystic Gray / Metallic Flat Spark Black, Flay Ebony / Metallic Spark Black, Candy Persimmon Red / Metallic Spark Black.

14th settembre, 2017

Tag:, , ,

Lascia un commento





Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini