WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 27
            [user_login] => iorillogiuseppe
            [user_pass] => $P$B8sCX2defOpVL2qzTQJxqoYK2Zqst6/
            [user_nicename] => iorillogiuseppe
            [user_email] => g.iorillo@motorionline.com
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2017-07-14 15:46:06
            [user_activation_key] => 
            [user_status] => 0
            [display_name] => Giuseppe Iorillo
        )

    [ID] => 27
    [caps] => Array
        (
            [editor] => 1
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
            [0] => editor
        )

    [allcaps] => Array
        (
            [moderate_comments] => 1
            [manage_categories] => 1
            [manage_links] => 1
            [upload_files] => 1
            [unfiltered_html] => 1
            [edit_posts] => 1
            [edit_others_posts] => 1
            [edit_published_posts] => 1
            [publish_posts] => 1
            [edit_pages] => 1
            [read] => 1
            [level_7] => 1
            [level_6] => 1
            [level_5] => 1
            [level_4] => 1
            [level_3] => 1
            [level_2] => 1
            [level_1] => 1
            [level_0] => 1
            [edit_others_pages] => 1
            [edit_published_pages] => 1
            [publish_pages] => 1
            [delete_pages] => 1
            [delete_others_pages] => 1
            [delete_published_pages] => 1
            [delete_posts] => 1
            [delete_others_posts] => 1
            [delete_published_posts] => 1
            [delete_private_posts] => 1
            [edit_private_posts] => 1
            [read_private_posts] => 1
            [delete_private_pages] => 1
            [edit_private_pages] => 1
            [read_private_pages] => 1
            [NextGEN Upload images] => 1
            [NextGEN Manage gallery] => 1
            [NextGEN Manage others gallery] => 1
            [NextGEN Manage tags] => 1
            [NextGEN Edit album] => 1
            [NextGEN Gallery overview] => 1
            [NextGEN Use TinyMCE] => 1
            [editor] => 1
        )

    [filter] => 
)

Fidanzati travolti, Matteo Penna scopre che Elisa è morta: “Non è possibile”

Ad una settimana dal risveglio dopo un mese di coma è stato comunicato a Matteo la morte di Elisa

Lo scorso 9 luglio sulla strada stradale di Condove, in Valle di Susa, Matteo Penna insieme e la sua ragazza Elisa, sono stati travolti da Maurizio De Giulio alla guida di un furgone a seguito di una lite nata per una mancata precedenza. Quel giorno Elisa morì sul colpo, mentre Matteo venne trasportato d'urgenza al Cto di Torino
Fidanzati travolti, Matteo Penna scopre che Elisa è morta: “Non è possibile”Fidanzati travolti, Matteo Penna scopre che Elisa è morta: “Non è possibile”

Solo una settimana fa si era svegliato dopo un coma durato un mese Matteo Penna, il motociclista di 29 anni ferito gravemente da Maurizio De Giulio, conducente del furgone che, dopo una lite, ha travolto il motociclista con la fidanzata, Elisa Ferrero di 27 anni, morta sul colpo.

elisa_08_2017

Dopo il risveglio il personale medico del TCO di Torino ha deciso di tenere Matteo all’oscuro della morte della sua fidanzata, finché non ci sarebbero stati ulteriori miglioramenti ed un adeguato supporto psicologico, al fine di preservare il suo benessere fisico e psichico.

furgone_08_2017

Solo dopo il trasferimento all’Unità spinale del Cto dove ha preso inizio il suo percorso di riabilitazione, i medici del Cto con il benestare dei familiari del ragazzo, hanno deciso, supportati da una equipe di psicologi, di spiegare a Matteo che Elisa ha perso la vita a seguito dell’incidente.
Matteo appresa la triste notizia è rimasto sconcertato: “Non è possibile, non è possibile, non può essere vero”, continua a ripetere sconvolto.
Per il momento la condizione fisica di Matteo sta migliorando e sembra stabile: inizia a rimanere seduto in carrozzina, parla con chi gli sta vicino e consuma pasti regolarmente.

matteoeelisa_08_2017

Maurizio De Giulio, alla guida del furgone, è ora in carcere con l’accusa di omicidio
volontario.
Secondo il gip Alfredo Toppino, che ne ha convalidato l’arresto, l’uomo ha puntato la moto dopo averla inseguita ad alta velocità, l’ha colpita e poi trascinata per metri, senza frenare o tentare manovre di emergenza.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati

Fidanzati travolti, Matteo Penna scopre che Elisa è morta: “Non è possibile”

Ad una settimana dal risveglio dopo un mese di coma è stato comunicato a Matteo la morte di Elisa

di 17 agosto, 2017
Lo scorso 9 luglio sulla strada stradale di Condove, in Valle di Susa, Matteo Penna insieme e la sua ragazza Elisa, sono stati travolti da Maurizio De Giulio alla guida di un furgone a seguito di una lite nata per una mancata precedenza. Quel giorno Elisa morì sul colpo, mentre Matteo venne trasportato d'urgenza al Cto di Torino
Fidanzati travolti, Matteo Penna scopre che Elisa è morta: “Non è possibile”Fidanzati travolti, Matteo Penna scopre che Elisa è morta: “Non è possibile”

Solo una settimana fa si era svegliato dopo un coma durato un mese Matteo Penna, il motociclista di 29 anni ferito gravemente da Maurizio De Giulio, conducente del furgone che, dopo una lite, ha travolto il motociclista con la fidanzata, Elisa Ferrero di 27 anni, morta sul colpo.

elisa_08_2017

Dopo il risveglio il personale medico del TCO di Torino ha deciso di tenere Matteo all’oscuro della morte della sua fidanzata, finché non ci sarebbero stati ulteriori miglioramenti ed un adeguato supporto psicologico, al fine di preservare il suo benessere fisico e psichico.

furgone_08_2017

Solo dopo il trasferimento all’Unità spinale del Cto dove ha preso inizio il suo percorso di riabilitazione, i medici del Cto con il benestare dei familiari del ragazzo, hanno deciso, supportati da una equipe di psicologi, di spiegare a Matteo che Elisa ha perso la vita a seguito dell’incidente.
Matteo appresa la triste notizia è rimasto sconcertato: “Non è possibile, non è possibile, non può essere vero”, continua a ripetere sconvolto.
Per il momento la condizione fisica di Matteo sta migliorando e sembra stabile: inizia a rimanere seduto in carrozzina, parla con chi gli sta vicino e consuma pasti regolarmente.

matteoeelisa_08_2017

Maurizio De Giulio, alla guida del furgone, è ora in carcere con l’accusa di omicidio
volontario.
Secondo il gip Alfredo Toppino, che ne ha convalidato l’arresto, l’uomo ha puntato la moto dopo averla inseguita ad alta velocità, l’ha colpita e poi trascinata per metri, senza frenare o tentare manovre di emergenza.

http://moto.motorionline.com/2017/08/17/fidanzati-travolti-matteo-penna-scopre-che-elisa-e-morta-non-e-possibile/