The Iso Rivolta Chronicles, è uscito il secondo episodio

Si intitola "I rivali della Vespa: l'era di Isomoto e Isoscooter"

di

The Iso Rivolta Chronicles, è uscito il secondo episodio

The Iso Rivolta Chronicles – Il “Furetto” rappresenta la prima trasformazione della Iso Rivolta. Renzo Rivolta aveva capito come gli italiani, in ripresa economica dopo la seconda guerra mondiale, avessero bisogno di un mezzo di trasporto economico ed affidabile. Decise quindi di concentrarsi sul piccolo scooter, da affiancare alla produzione di refrigeratori e climatizzatori. Il primo modello, nonostante fosse comodo e sicuro, non fu un grande successo a causa delle sue scarse prestazioni.

Il secondo tentativo fu sviluppato dall’ingegner Speluzzi del Politecnico di Milano, in collaborazione con l’ing. Scarpa. Crearono un motore dal disegno unico, con un singolo cilindro contenente una coppia di pistoni. Il motore era un 125cc e produceva 6.7 cavalli a 5200 rpm. Questo particolare motore fu usato nel 1949 per alimentare la “Iso 125″, poi divenuto celebre col nome “Isoscooter”. Nel ’50 fu montato nella “Isomoto”, una versione scarenata e leggera della Isoscooter.

Il successo di questi modelli spinse la ditta a produrre nuove versioni, quali la IsoGT e l’Iso Sport, che avevano lo stesso motore ma ruote più grandi. Nel 1952 fu presentata la Iso 200. Il motore aveva sempre il cilindro sdoppiato di 198cc di cilindrata, con 9 cavalli a 4750rpm. La produzione di motociclette continuò fino al 1962. Nel frattempo la ditta stava vivendo una nuova trasformazione, causata dal boom economico, che l’avrebbe portata a produrre le Gran Turismo per le quali è conosciuta oggi.

Le moto della Iso Rivolta sono il soggetto del secondo episodio di “The Iso Rivolta Chronicles”, documentario in 8 parti sulla storia del marchio.

16th maggio, 2017

Tag:,

Lascia un commento





Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini