Honda X-ADV, la casa di Tokyo inventa il crossover a due ruote [PROVA SU STRADA]

Lo stile di un SUV e la praticità di un maxi-scooter

di

L'Integra è a metà strada tra moto e scooter, la sua versione "enduro" complica ulteriormente le cose, ma è dannatamente efficace in ogni condizione. Che la strada imboccata da Honda sia nuovamente quella giusta? Lo scopriamo con la nostra prova in anteprima sulle strade asfaltate e non della Sardegna

Honda X-ADV, la casa di Tokyo inventa il crossover a due ruote [PROVA SU STRADA]

Honda X-ADV – Dall’idea di Daniele Lucchese, colui che ha creduto fermamente in questo progetto, nasce Honda X-ADV, uno stile off-road dalla praticità di un maxi scooter realizzato dal designer Maurizio Carbonara. Il design, pensato e ridisegnato dal centro R&D Honda di Roma, è allo stesso tempo rude e sofisticato. L’innegabile attitudine off-road confermata dalla ciclistica, dal manubrio biconico in alluminio, dai paramani dello stesso design presente nella CRF1000L Africa Twin (che deflettono vento e pioggia su strada e proteggono le leve e le mani dagli impatti fuoristrada) e dalla strumentazione verticale in stile rally, va di pari passo con la funzionalità del vano sottosella capace di contenere un casco integrale (rispetto all’Integra la ruota posteriore è più piccola), del parabrezza regolabile su 5 posizioni e dal praticissimo sistema di apertura e contatto della Smart-Key, che permette di tenere il device in tasca e funziona per prossimità nel raggio di 2 metri.

Honda_X-ADV_YM17_pc_07

Le sospensioni a lunga escursione sono in grado di assorbire ogni asperità, anche le più pronunciate, coadiuvate dai cerchi a raggi tangenziali – da 17” all’anteriore e 15” al posteriore – con pneumatici dall’intaglio on/off. L’impianto frenante è degno di una maxi enduro, con dischi flottanti da 296 mm e pinze radiali Nissin a 4 pistoncini con un ABS a due canali. Il cambio Honda DCT, che ha conquistato popolarità e successo di mercato in maniera crescente anno dopo anno (è un oggetto che spesso fa storcere il naso ai motociclisti fino a che non lo provano) utilizza due frizioni coassiali, una per le partenze e le marce dispari, l’altra per le marce pari. Il sistema DCT è dotato di due modalità automatiche AT e della modalità MT per cambi marcia manuali, con le palette al manubrio. Inoltre altro pregio del DCT è che adotta il sistema “Adaptive Clutch Capability Control” che permette negli apri e chiudi una guida più dolce e fluida, soprattutto a bassa velocità. La linea aggressiva e “muscolosa” risalta lo spirito avventuroso della moto, mentre lo “sguardo furbo” del gruppo ottico anteriore, grazie ai fari full LED di impronta molto moderna, invita a riprogrammare i limiti dei propri confini e ad immaginare nuove avventure. Insomma, questo look studiato da casa Honda fa percepire fin da subito l’innato spirito avventuroso di questa moto.

Motore e prestazioni: base tecnica della famiglia NC750/Integra
Honda_X-ADV_YM17_pc_01

Dal punto di vista tecnico abbiamo un motore bicilindrico Euro 4 da 745 cc con cambio sequenziale DCT a 6 rapporti. sfrutta come base meccanica la gamma delle 750. I valori di potenza e coppia, pari a 55CV a 6.250 giri/min e 68 Nm a 4.750 giri/min, garantiscono accelerazioni brucianti, riprese vigorose e un’ottima velocità massima, anche grazie al cambio DCT con mappatura dedicata a questo nuovo modello. È un motore intelligente anche nel layout, studiato per ridurre al minimo il numero dei componenti: l’albero a camme, ad esempio, muove anche la pompa dell’acqua e uno dei contralberi aziona la pompa dell’olio. L’alimentazione a iniezione elettronica Honda PGM-FI contribuisce all’eccezionale efficienza dei consumi (27,5 km/l nel ciclo medio WMTC) che, con il serbatoio sottosella da 13,1 litri, determina un’autonomia totale superiore ai 300 km. Inoltre il cambio a doppia frizione (DCT) utilizza due frizioni coassiali: una per le partenze e le marce dispari, quindi per la 1a, la 3a e la 5a marcia, l’altra per le marce pari, quindi la 2a, la 4a e la 6a marcia. I due alberi sono concentrici, pertanto l’ingombro è esattamente identico a quello di un cambio tradizionale, il che rende possibile usare gli stessi carter motore. Ciò vale per tutti i motori Honda con cambio DCT, dal bicilindrico 745cc della serie NC750, dell’Integra e, oggi, dell’X-ADV, fino al 1.237 cc del V4 che equipaggia il Crosstourer, passando per il 998cc della CRF1000L Africa Twin. Affidabilità e precisione degli innesti sono assicurati dalla sofisticata gestione elettronica.

La ciclistica: telaio in tubi e forcella a steli rovesciati, regolabile come una moto da enduro
Honda_X-ADV_YM17_pc_02

Il telaio in tubi di acciaio dell’X-ADV, completamente rinnovato, risulta essere un prodotto moderno che guarda il futuro divertendosi. Le misure della ciclistica sono improntate ad un mix di stabilità e maneggevolezza che rende la guida dell’X-ADV davvero divertente e piacevole. Il manubrio è in alluminio ed è montato su riser dello stesso materiale. L’inclinazione del cannotto di sterzo è di 27° e l’avancorsa pari a 104 mm, con un interasse di 1.588 mm. Le manovre in spazi ristretti e il traffico intenso non sono un problema, perché l’angolo di sterzo è di ben 39° e corrisponde ad un raggio di sterzata di appena 2,8 m. E sulle buche con fondo stradale sconnesso? Non c’è assolutamente da preoccuparsi, in quanto gode di una forcella a steli rovesciati da 41 mm regolabile nel “precarico molla” e nello smorzamento idraulico in estensione. L’ammortizzatore con leveraggio progressivo Pro-Link è regolabile su 10 posizioni nel precarico della molla ed è fissato al bellissimo forcellone in alluminio a bracci differenziati.

Honda_X-ADV_YM17_pc_05

L’impianto frenante è composto da due dischi flottanti da 296 mm all’anteriore, morsi da pinze radiali Nissin a 4 pistoncini, pinze radiali Nissin con ABS a due canali e un disco singolo posteriore da 240 mm con pinza ad un pistoncino. Ai cerchi in alluminio a raggi tangenziali (in acciaio inossidabile) sono montati pneumatici di casa Bridgestone di larga sezione (120/70-17 ant. e 160/60-17 post.) con intagli on/off che permettono di affrontare con disinvoltura anche sterrati impegnativi. La ruota posteriore da 15” è stata progettata per poter avere il porta casco, ma nel contempo per consentire alla sospensione posteriore una buona escursione in fuoristrada.

Honda_X-ADV_YM17_pc_03

Il quadro strumenti è disposto in modo accattivante, come sulle moto da competizione, mostrando tutte le informazioni utili al guidatore intorno a un grande tachimetro digitale centrale e un tachigrafo circolare. Tutte le informazioni più importanti sono controllate sulla parte superiore della linea visiva, tutto il resto è disposto in ordine logico su entrambi i lati. Oltre quanto già detto Honda X-ADV in viaggio o in città, il parabrezza può essere regolato tramite un pratico comando su 5 posizioni offrendo, dal basso verso l’alto, una protezione via via maggiore da vento e intemperie. La differenza di altezza totale è di 136 mm con un’inclinazione che varia di 11° tra il punto più alto e quello più basso. Come sulle moto da enduro, sono installati inoltre dei solidi paramani che riparano le mani dal vento, dalle intemperie e dagli ostacoli mobili che si possono urtare in fuoristrada.

Honda_X-ADV_YM17_pc_06

In sella si sta comodi; il piano di seduta è a 820 mm da terra e l’impugnatura dell’ampio manubrio è a 910 mm di altezza, conferendo così una posizione di guida dominante che garantisce pieno controllo e ottima visibilità. La conformazione della sella e del profilo delle pedane facilita dunque il pilota nel poggiare i piedi a terra. E per chi vuole impreziosire il look anche nei dettagli, sono disponibili le placche copri pedane con finiture in metallo e un solido portapacchi con maniglie integrate per il passeggero. Chi si avventurerà in fuoristrada potrà desiderare oltre a queste piccoli dettagli anche delle resistenti barre tubolari antiurto e i fari fendinebbia a LED.

Honda_X-ADV_YM17_pc_04

Per quanto riguarda i colori disponibili? Le tre colorazioni disponibili sono eleganti e al tempo stesso grintosi: Digital Silver Metallic, Matt Bullet Silver, Pearl Glare White (Tricolour HRC). L’off-road di casa Honda è ottimo anche per uso cittadino.

Le nostre impressioni
Tra le strade della magnifica e selvaggia Sardegna abbiamo guidato con piacere la nuova Honda X-ADV, il nuovo e innovativo crossover dall’ala dorata, presentato lo scorso anno a Eicma. Abbiamo scoperto che la Honda X-ADV è una gran bella sorpresa. L’erogazione del motore è molto lineare ed è davvero piacevole guidarla. Il peso dichiarato in ordine di marcia e con il pieno di carburante è pari a 238 kg, ma l’X-ADV sa donare al guidatore una sensazione di leggerezza che non farebbe pensare al peso reale. Solo negli spostamenti a veicolo fermo risulta, a nostro avviso, un po’ impegnativo, ma è tutta questione di prendergli le misure e di gestirlo nel modo corretto. Il baricentro è basso e non è difficile nemmeno per i più “mingherlini” spostarlo ed issarlo sul cavalletto centrale. Le doti che saltano immediatamente agli occhi sono la maneggevolezza ed il feeling con la ruota anteriore. In modalità S3, sia ai bassi regimi che in allungo riprende bene, la progressione del motore è costante e non avverte nessuna incertezza, mentre in modalità D (drive) sfrutta le marce basse e ha la limitatezza di non offrire molto freno motore.

Honda_X-ADV_YM17_pc_09

La Tecnologia DCT ormai si è diffusa parecchio nella gamma Honda; entrambe le modalità del sistema DCT risultano fluide e gli innesti risultano quasi impercettibili. Il funzionamento del cambio doppia frizione è fantastico e molto rilassante, e permette di preoccuparsi solamente di affrontare senza problemi le curve. La soddisfazione di guida, credeteci, è molto alta ed il DCT sa essere utile ad incrementarla; anche quando si sta guidando in automatico, affrontando un tornante o un sorpasso è possibile scalare in modo manuale per poi passare, con la funzione di auto-ritorno, al cambio automatico. La ciclistica è molto buona, facile l’impostazione in curva, dove ha un’ottima stabilità ed è difficile che faccia scherzi anche nei punti più sconnessi e scivolosi. In particolar modo questo mezzo ci ha piacevolmente stupito nei cambi di direzione in quanto risulta molto reattivo, fluido e capace di offrire la giusta dose di divertimento anche ai motociclisti più esperti. Il manubrio largo garantisce una padronanza del mezzo garantendo agilità e stabilità ed il feeling arriva fin da subito.

Honda_X-ADV_YM17_pc_11

Le sospensioni ci hanno impressionato notevolmente, dandoci sicurezza su qualsiasi manto stradale affrontassimo, poiché digeriscono efficacemente le imperfezioni del tracciato, difficilmente si accusano le buche e dossi su schiena e polsi, esaltando anche il comportamento nello scendere in curva, anche a velocità alte. Per quanto riguarda la frenata, che avremmo preferito più aggressiva, quella anteriore si fa apprezzare con un intervento molto dolce e ben dosabile; per quanto concerne quella posteriore nelle frenate brusche risulta un po’ spugnosa e bisogna agire con forza sul comando. Per assaporarne lo spirito avventuroso lo abbiamo testato anche su un tratto di fuoristrada, composto da sabbia e terra battuta.

Honda_X-ADV_YM17_pc_10

Il suo bilanciamento dei pesi è perfetto nella guida off-road; garantisce sicurezza superando anche ostacoli più ostici, grazie alle sospensioni a lunga escursione studiate per percorsi principalmente da off-road, ma anche per l’uso cittadino. Per guidare in piedi stile “enduro” sono offerte in optional delle pedane posizionate al posto giusto facilitando le sollecitazioni che arrivano dalla moto, anche proprio per essere più rapidi ed efficaci nei trasferimenti di carico, che sono un po’ il pane del fuoristrada. Quando è il momento di fare il pieno i consumi, utilizzando la sportiva mappatura S3, risultano di 27 km/l , con consumi davvero molto ridotti, soprattutto rapportati al mezzo ed alle prestazioni. Insomma si lascia strapazzare con facilità, senza bisogno di un elevato impegno, una due ruote brillante e divertente, davvero per ogni utilizzo!

Honda_X-ADV_YM17_pc_12

Il prezzo di Honda X-ADV parte da 11.490 euro f.c., mentre i primi mille clienti riceveranno, compresi nel prezzo, il bauletto e il navigatore satellitare TomTom Vio che è stato progettato per gli scooter, controllabile dallo smartphone.

PRO E CONTRO
Ci piace
:
Motore – Maneggevolezza

Non ci piace:
Freno/ABS non disinseribile

Honda X-ADV: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★★ 
Maneggevolezza:★★★★★ 
Cambio e trasmissione:★★★★★ 
Frenata:★★★★☆ 
Sospensioni:★★★★★ 
Guida:★★★★★ 
Comfort pilota:★★★★½ 
Comfort passeggero:★★★★☆ 
Dotazione:★★★★½ 
Qualità/Prezzo:★★★★☆ 
Linea:★★★★★ 
Consumi:★★★★★ 

Honda_X-ADV_YM17_pc_13

Abbigliamento del test:
Giacca – Alpinestars
Stivali – StylMartin
Guanto – Alpinestars
Casco – Shark Vancore
Pantaloni – OJ

22nd febbraio, 2017

Tag:, , , , ,

Lascia un commento





Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini