Royal Enfield Himalayan, Turismo ed Avventura si sposano con l’Urban [INTERVISTA]

Il debutto europeo e' avvenuto ad EICMA 2016

di

Royal Enfield Himalayan, Turismo ed Avventura si sposano con l’Urban [INTERVISTA]

Royal Enfield Himalayan – Il più antico marchio motociclistico al mondo è stato uno dei grandi protagonisti di EICMA 2016. Con oltre il 50% di crescita annua negli ultimi 5 anni, il marchio sta rapidamente diventando una realtà molto importante nel mercato motociclistico mondiale delle moto di media cilindrata.

Quando parliamo di Royal Enfield parliamo della Bullet, della Classic e della Rumbler nelle cilindrate 350 e 500cc e la della Continental GT 535cc Café Racer. Quest’anno il marchio indiano presenta la nuova Himalayan, una due ruote dedita allavventura e al turismo sull’Himalaya, che è stata svelata in Europa proprio all’EICMA 2016. Monta un nuovo motore LS 410 ed è progettata con caratteristiche da fuoristrada, ma è capace anche di districarsi nelle giungle urbane. La moto sarà disponibile in due colori, Granite e Snow.

Royal Enfield Himalayan 1

La Royal Enfield Himalayan ha capito che il modo migliore per scalare le montagne non è cercare di dominarle, ma riuscire ad entrare in sintonia con esse. Il nuovo modello del marchio indiano non è come le altre, non è pesante, non è complessa, e soprattutto è stata progettata per questi tipi di ambienti. E’ una moto semplice e in grado di andare ovunque, un moto che potrebbe cambiare il concetto di adventure touring a livello globale. “La nuova Himalayan può andare ovunque, non prendiamo alla lettera il suo nome.” ci dice ad EICMA Arun Gopal, grande capo della Royal Enfield. “E’ una moto che sia adatta a tutti gli stili di vita e a tutte le superfici stradali. Il nome non deve confondere. Sono sicuro che questo modello avrà un successo globale e le prime impressioni stanno confermando le nostre stime.

Royal Enfield Himalayan 3

La nuova Himalayan è adatta ai piloti più esperti, ma anche ai semplici appassionati. E’ adatta alle lunghe percorrenze su terreni difficili e, allo stesso tempo, è facile da guidare nel traffico cittadino. Il telaio a doppia culla progettato e sviluppato da Harris Performance è robusto, ciò rende la Himalayan stabile e agile allo stesso tempo. Un importante mono ammortizzatore posteriore con leveraggi consente lunghi viaggi e offre un’esperienza di guida più fluida su tutti i terreni. L’altezza da terra della Himalayan, 220 mm, è una caratteristica molto importante, perchè garantisce il superamento di qualsiasi ostacolo. Mentre le dimensioni delle ruote sono state ottimizzate al fine di ottenere un miglior controllo su rocce e fossi.

Volete scalare colline o districarvi nel traffico ancor più facilmente? Allora, dovete provare il nuovo motore LS 410, che eroga una coppia elevata e una potenza fruibile ad un numero di giri più basso. Il serbatoio da 15 litri offre una lunga autonomia di circa 450 chilometri. I punti di fissaggio per i bagagli sono integrate del design della moto. Una semplice strumentazione segnala velocità, direzione, temperatura ambiente, tempo di viaggio, intervalli di manutenzione e molteplici distanze di viaggio.

Royal Enfield Himalayan

All’EICMA 2016, non c’era solo la Himalayan. la Royal Enfield ha presentato anche la gamma di motociclette Euro 4 che comprende la Bullet 500cc, i modelli retro-street Classic 500cc e Classic Chrome, e la Continental GT (535cc) cafè racer per la prima volta con ABS e in versione Euro 4, ora disponibili per tutti i mercati europei.Il marchio sta crescendo molto.” aggiunge Arun. “Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto a fino a questo punto. Soprattutto in Italia, dove registriamo un +160%. Il futuro è roseo e siamo convinti che Royal Enfield possa competere con i più grandi marchi motociclistici europei. Grazie alla nostra nuova gamma di moto iconiche.”

14th novembre, 2016

Tag:, , , , ,

Lascia un commento





Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini