Peugeot Django ID, la personalizzazione allo stato puro

La motorizzazione è compresa tra i 50 e 150cc

di

Peugeot Django ID, la personalizzazione allo stato puro

Peugeot Django ID – Peugeot presenta il nuovo Django ID, lo scooter che spinge al massimo il concetto di personalizzazione, grazie a un configuratore online che permette di crearsi il proprio mezzo praticamente su misura.

Alcuni elementi sul Peugeot Django ID saranno di serie, quindi non modificabili da parte del proprietario, come il sistema di frenata SBC, i cerchi di alluminio con pneumatici Vintage (con spalla bianca) e la garanzia di tre anni accompagnata da 24 mesi di assistenza stradale. La configurazione si divide in sette fasi partendo dalla scelta della motorizzazione, compresa tra i 50 e i 150 cc, per passare poi alle tinte della carrozzeria, che sono 22, per 163 combinazioni totali, anche bicolore. Gli specchietti, invece, sono di tre tipi diversi: classico tondo e piatto interamente cromato, con scocca 3D satinata e con profilo cromato e scocca 3D con verniciatura nera e profilo cromato.

La fase successiva di personalizzazione del Peugeot Django ID è la scelta tra sette diverse tipologie di sella. Più o meno imbottite, bi-materia, con rifiniture di diverso tipo e impunturate. Inoltre, una sottile striscia cromata attraversa, da un lato all’altro, il profilo di Django e contribuisce ad alleggerirne la linea. Presenti sul parafango, lo scudo anteriore, il vano portaoggetti e il parafango posteriore, è possibile ordinare questi elementi cromati in versione alluminio gloss opaco oppure in versione brillante.

Per concludere il Peugeot Django ID mette a disposizione una  linea completa di accessori e di servizi aggiuntivi che Peugeot Scooters ha attivato in collaborazione con Mapfre Warranty e Mapfre Assistance.

20th marzo, 2015

Tag:, , , , , , , ,

Lascia un commento





Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini