WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 11
            [user_login] => abbati
            [user_pass] => $P$ByBk22g5Fp2aXAHPumlBAgZkXB2x2H0
            [user_nicename] => abbati
            [user_email] => abbati.press@gmail.com
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2013-11-06 14:46:04
            [user_activation_key] => 
            [user_status] => 0
            [display_name] => Michele Abbati
        )

    [ID] => 11
    [caps] => Array
        (
            [contributor] => 1
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
            [0] => contributor
        )

    [allcaps] => Array
        (
            [edit_posts] => 1
            [read] => 1
            [level_1] => 1
            [level_0] => 1
            [delete_posts] => 1
            [contributor] => 1
        )

    [filter] => 
)

Suzuki RM-Z450 2015, ha le corse nel sangue

Un modello tutto nuovo, DNA racing tra tecnologia e leggerezza

Sempre più specialistica e sempre più innovativa, è il model year 2015 della Suzuki RM-Z450; un rinnovamento che sa moltissimo di modello completamente nuovo. La versione 2015 deriva direttamente dai modelli attualmente utilizzati nelle competizioni Motocross dai piloti Clemente Desalle, Kevin Strijbos e James Stewart nelle categoria MXGP, AMA Supercross e AMA Motocross Championships.

Tra le novità più attese introdotte sulla versione 2015 della RM-Z450, va sicuramente il rivoluzionario sistema “Suzuki Holeshot Assist Control” (S-HAC), e la nuova forcella Showa SFF-AIR. Cosa significano queste pittoresche sigle, lo vediamo subito.

Il sistema “Suzuki Holeshot Assist Control” è un aiuto al pilota per essere maggiormente veloce alla partenza. Si attua grazie a due diverse modalità di utilizzo. Sulle superfici dure o in condizioni scivolose al cancelletto di partenza, si utilizzerà la modalità “A-Mode”: in questa impostazione, l’S-HAC altera i tempi di accensione per ridurre lo slittamento delle ruote e per fornire accelerazione regolare; in seguito, dopo poco più di un secondo (o quando si mette la terza marcia), il sistema ritorna alla normale fasatura di accensione. Quando le condizioni del terreno forniscono una migliore trazione ed è necessaria una partenza più aggressiva, si sceglie la modalità “B-Mode”: in questo caso, vengono anticipati i tempi di accensione per consentire una maggiore risposta dell’acceleratore. E’ possibile disattivare l’Holeshot Assist System in qualsiasi momento e la partenza dipenderà solamente dal manico del pilota.

La forcella Showa SFF-AIR (a camere separate) da 49 mm, è un’unità ammortizzante caratterizzata da una molla a spirale in uno stelo e da un ammortizzatore idraulico nell’altro. Vantaggi? La leggerezza ed anche l’assenza di regolazioni da effettuarsi sulla base del peso dei piloti o del livello di abilità. La messa a punto è ora da effettuarsi attraverso tre valvole separate: una di pressione d’aria all’interno, una all’esterno sulla parte superiore della forcella e una valvola di pressione posizionata sulla forcella inferiore.
Ma la nuova RM-Z450, prevede anche un telaio ridisegnato per ottimizzare la rigidità e ridurre il peso. Per migliorare l’avviamento del motor, ora è più lungo il pedale di avviamento, il sistema di decompressione è stato ridisegnato, rivisto rapporto di trasmissione e aggiunto un ingranaggio di sfiato per migliorare l’avviamento del motore.

Migliorato il raffreddamento: i tubi dell’acqua sono stati rivisti, insieme a un coperchio della pompa dell’acqua ridisegnato per un raffreddamento più efficiente. Il cambio marcia è più morbido: la precisione del cambio marcia è aumentata, insieme ad una camma del cambio rivisto per un funzionamento più preciso e fluido.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati