Motodays 2014 – A Roma tutte le novità Peugeot Motorcycle

A Roma il Satelis 400, lo Streetzone ed il rinnovato Tweet

di

Motodays 2014 – A Roma tutte le novità Peugeot Motorcycle

Il grande appuntamento dei Motodays 2014 si avvicina e con esso anche le conferme delle Case costruttrici. Dopo la conferma di Ducati e KTM, è arrivata anche l’adesione di un altro “colosso” del mondo delle due e quattro ruote, Peugeot Motocycles.

Uno stand alla Fiera di Roma sarà dedicato al costruttore transalpino, che porterà a Roma l’intera gamma 2014 dedicata agli scooter: tra le novità più importanti, il Django, ispirato alle linee del S55 degli anni Cinquanta, uno scooter dal forte sapore vintage ma dotato delle più moderne tecnologie. Quattro le motorizzazioni disponibili (50 a due e quattro tempi, 125 e 150) e gli allestimenti (Allure prevede il bauletto di serie, Heritage le tinte pastello, Sport la sella monoposto e Evasion la vernice a due colori).

Ci sarà poi il Satelis 400, scooter di segmento medio equipaggiato con un motore capace di sprigionare oltre 37 cv di potenza massima; motore LFE (Low Friction Efficency) già montato sul recente tre ruote Metropolis. Affiancherà nel listino della Casa francese le versioni 125 e 300. Non mancherà lo Streetzone, da 50 o 100 cc, dedicato ai più giovani e a chi si affaccia per la prima volta al mondo delle due ruote. Tra i particolari, lo scarico rovesciato, la forcella “racing” e il manubrio naked. A Roma arriverà anche il Tweet, lo scooter ruote alte leggero ed economico della Casa francese. Rinnovato nella parte anteriore e adeguato al nuovo family feeling Peugeot, rinnovato nel reparto sospensioni, in quanto dotato di un nuovo ammortizzatore posteriore regolabile su tre posizioni, ed inoltre il cavalletto laterale è stato irrobustito.

22nd febbraio, 2014

Tag:, , , , ,

Lascia un commento





Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini