WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 11
            [user_login] => abbati
            [user_pass] => $P$ByBk22g5Fp2aXAHPumlBAgZkXB2x2H0
            [user_nicename] => abbati
            [user_email] => abbati.press@gmail.com
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2013-11-06 14:46:04
            [user_activation_key] => 
            [user_status] => 0
            [display_name] => Michele Abbati
        )

    [ID] => 11
    [caps] => Array
        (
            [contributor] => 1
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
            [0] => contributor
        )

    [allcaps] => Array
        (
            [edit_posts] => 1
            [read] => 1
            [level_1] => 1
            [level_0] => 1
            [delete_posts] => 1
            [contributor] => 1
        )

    [filter] => 
)

Salone di Tokyo 2013: Yamaha R25 Concept

Una piccola supersport Yamaha che vuole ispirarsi alla M1

Rossi c’è..!! Si è scomodato persino Valentino Rossi per testare questa concept bike, che praticamente è una replica molto “slim” della strapotente M1 MotoGP; Yamaha R25 concept, questo è il suo nome temporaneo, farà sicuramente parte dei sogni a due ruote di tanti giovani biker. Quando sarà consegnata ai concessionari, questa nuova Yamaha dovrà confrontarsi con un prodotti del calibro di RC390 di KTM, analogamente sportiva e specialistica, oppure Kawasaki Ninja 300 e perché no, anche con Honda CBR250R; si insomma ce n’è di scelta.

A ben guardarla, sembra proprio una M1 sottoposta a cura dimagrante! Il cupolino con la presa d’aria dinamica è molto simile, forse un po’ più stretto e inclinato. Le carene sono più succinte, il forcellone semplice ma ben rifinito, il codino alto e ben appuntito, racing, come le grafiche che difficilmente saranno riportate “alla serie”. Belli i cerchi con razze a Y supportati da una ciclistica intuitiva: telaio in tubi, forcella tradizionale, monoammortizzatore al posteriore senza interposizione di leveraggi. Insomma, semplice, efficace e molto probabilmente agile e leggera. Ci mettiamo anche potente? Dunque, le indiscrezioni ci portano a dichiarare una potenza di 40-45 CV, erogati da un bicilindrico in linea ad iniezione elettronica e cambio a 6 rapporti. Non si sa molto di più, ma pare che Yamaha segua il trend tecnico della concorrenza. Ad occhio questa R25 trasmette buone qualità di handling e facilità di guida; in pista, debitamente preparata, promette divertimento e buone prestazioni.

Questa sportiva entry level dalla Casa dei Tre Diapason presentata al Tokyo Motor Show, avrà futuro in mercati come quello giapponese ed europeo, ma anche asiatico e forse anche americano; praticamente una moto globale. I disegni e le note tecniche saranno spediti in India dove – anche in questo caso probabilmente – questa R25 sarà prodotta. Logicamente, la moto di serie avrà anche posto per il passeggero, mentre il leggero Akrapovic sarà posizionato…fra gli optional.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati

Eventi

Salone di Tokyo 2013: Honda F6C Valkyrie

Una Goldwing con 70kg in meno si trasforma in una vera power-bike
Le valchirie, nella mitologia, erano graziose ragazze che, a bordo del loro cavallo alato, avevano il compito di scegliere i