WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 6
            [user_login] => fabiolepre
            [user_pass] => $P$B.YrLW5HpwgSlAgh8WP2Yx45BcLzAR.
            [user_nicename] => fabiolepre
            [user_email] => fabiolepre@yahoo.it
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2011-11-10 11:00:15
            [user_activation_key] => 
            [user_status] => 0
            [display_name] => fabiolepre
        )

    [ID] => 6
    [caps] => Array
        (
            [author] => 1
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
            [0] => author
        )

    [allcaps] => Array
        (
            [upload_files] => 1
            [edit_posts] => 1
            [edit_published_posts] => 1
            [publish_posts] => 1
            [read] => 1
            [level_2] => 1
            [level_1] => 1
            [level_0] => 1
            [delete_posts] => 1
            [delete_published_posts] => 1
            [NextGEN Gallery overview] => 1
            [NextGEN Upload images] => 1
            [NextGEN Manage gallery] => 1
            [NextGEN Manage tags] => 1
            [NextGEN Edit album] => 1
            [NextGEN Use TinyMCE] => 1
            [NextGEN Manage others gallery] => 1
            [unfiltered_html] => 1
            [author] => 1
        )

    [filter] => 
)

Addio MotoGP: Suzuki lascia

Addio MotoGP: Suzuki lasciaAddio MotoGP: Suzuki lascia

Suzuki addio per almeno due anni. La stagione 2012 della MotoGP perde uno dei protagonisti. L’azienda giapponese lo ha messo nero su bianco: sospesa “temporaneamente” la partecipazione al campionato del mondo. Il motivo? Ufficialmente ce ne sono almeno due. La “grave crisi economica” che ha portato al deprezzamento dello yen e alla riduzione delle vendite, e i “drammatici disastri naturali” che si sono abbattuti sul Giappone. Il più rilevante è stata l’accoppiata terremoto-tsunami che si è abbattuta sulle coste del Sol Levante provocando guasti e disfunzioni alla centrale nucleare di Fukushima.
I più attenti osservatori avranno colto già da tempo i primi segnali di difficoltà: l’abbandono di Alvaro Bautista (ora con Gresini), i tanti silenzi, il dimezzamento del numero delle moto, gli abiti da collaudatore Aprilia indossati da Randy De Puniet (ora alla ricerca di un nuovo team), l’abbandono del motore da 1000cc e il contestuale mantenimento di quello da 800cc .
Tuttavia quello della società di Osamu Suzuki e Hiroshi Tsuda non è un allontanamento definitivo delle corse. L’obiettivo è tornare in pista nel 2014 con “un nuovo competitivo prototipo per la massima categoria”. Il sogno è di riportare a casa quel titolo mondiale conquistato 11 anni fa da Kenny Roberts jr. La scuderia orientale sarà regolarmente presente nelle altre categorie. Non solo, ma Suzuki continuerà a “offrire il proprio supporto nelle gare su strada utilizzando moto di serie, ottenendo così l’omologazione FIM e la collaborazione con i suoi distributori di kit di sviluppo e componenti”.
Insomma, allo stato le moto ufficiali per la prossima stagione sono 12, equamente distribuite fra Ducati, Honda e Yamaha.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati